pupazzi in stoffa

Pupazzi fatti a mano | Intervista a Nanaif

Torna l’appuntamento con La Rubrica del Lunedì e con le interviste dedicate alle talentuose creative del cucito della nostra scena handmade italiana. Oggi vi vogliamo presentare un’artigiana che realizza con le sue mani delle creazioni davvero poetiche, ispirate alla natura e ai boschi. I suoi pupazzi fatti a mano sembrano gli abitanti di un mondo magico, dei piccoli folletti pronti a regalare gioia e magia. Lei è Fernanda di Nanaif e ve la presentiamo con parole sue. Buona lettura!

Pupazzi di stoffa

intervista Nanaif cucito creativo pupazzi fatti a mano

Ciao Fernanda, presentati.

Sono cresciuta in un paesino nella provincia di Viterbo per poi trasferirmi in Umbria e alla fine in Toscana. Vivo con mio marito e la nostra gatta Vega in campagna, sono socia-lavoratrice di una cooperativa sociale di tipo B che si occupa di inserire persone disabili nel mondo del lavoro. Ho un passato di grafica pentita e una grande passione per la fotografia, il cinema, la letteratura e i fumetti.

Nanaif è il tuo marchio. Da dove nasce questo nome?

logo nanaif pupazzi handmade in tessuto

Il nome viene da “Naif”: che sembrava l’aggettivo migliore per definire la piccola banda di creature che avevo creato senza nessun motivo in una settimana di relax. Mi piaceva l’idea della ripetizione per dargli un’idea ancora più tenera e perché richiamava almeno un po’ il mio brand allora parallelo (Nanofactory). Più il tempo passa più mi sembra il nome giusto, unico e sognante un po’ come la produzione che raccoglie.

Raccontaci la tua giornata tipo.

Non ho proprio una giornata tipo, ma diciamo che di solito va così: sveglia all’ultimo momento, caffè al volo, lavoro per 4 ore, pranzo e il pomeriggio che si dividono tra il cucire e il curare tutti gli altri aspetti indispensabili per il mio brand: foto, listing e social. La sera cerco di non crollare e di dedicarla alle sperimentazioni: di fronte al camino con una bella tazza di tè e la serie del momento in sottofondo.

Ci mostri la tua stanza del cucito

Cosa non può mancare per avere l’ambiente perfetto per creare?

stanza cucito intervista creativa a Nanaif

La mia stanza del cucito è itinerante, d’inverno creo praticamente dentro al camino e d’estate sul terrazzo. Ho una stanza dei segreti dove tengo in modo disordinatissimo tutti i materiali che non vi mostrerò per una sincera vergogna! La cosa fondamentale è stare comoda quindi poltrona o amaca sono davvero irrinunciabili per me! Per il resto riesco a creare in ogni situazione.

A quale progetto stai lavorando in questo momento? 

Possiamo avere qualche anticipazione?

pupazzi in stoffa ricamati a mano

Al momento sto lavorando a dei pupazzi più complessi del solito e anche più grandi per partecipare a dei concorsi di arti applicate. Ho deciso di mettermi alla prova con qualcosa di complesso e impegnativo per rendere ancora più chiara e profonda la vena che ispira e nutre questo mio piccolo mondo.

I tuoi pupazzi in stoffa sembrano creature del bosco. 

Dove trai l’ispirazione per realizzarli?

pupazzo di stoffa ricamato a mano creazioni per bambini
giochi di stoffa per bimbi cuciti a mano

Da tutto quello che mi circonda. Forse la chiave di volta sono stati i kodama (spiriti dei boschi con la testa che ruota e fa strani rumori) del film dello Studio Ghibli “Mononoke-Hime”, quando lo vidi a 13-14 anni mi rimasero così impressi che diventarono parte del mio immaginario di simboli. La mitologia greca mi ha affascinata da bambina, la poesia di Baudelaire e le sceneggiature di Neil Gaiman da adolescente, le opere di Hopper e la botanica adesso. Tutto si distilla nell’ispirazione che nutre le mie creature e a tutto si unisce il livello estetico che voglio raggiungere con quel punto o quella trama o quella consistenza particolare.

Come funziona per te il processo creativo?

Raccontaci come nasce un pupazzo in stoffa Nanaif.

pupazzo in stoffa coniglietto bimbo

Di solito parto da una forma: ho la mia collezione di cartamodelli di corpi a cui attingo sistematicamente. Poi passo alla stoffa: quale sensazione deve essere dominante? Quale effetto naturale voglio imitare? Da lì passo alla palette di colori che più intensificano la sensazione scelta e poi ai particolari direttamente sulla stoffa. Non faccio mai schizzi dettagliati, di solito butto giù un’idea a grandi linee solo se non posso mettermi subito al lavoro.

Cosa ne pensi della scena handmade italiana?

Penso che ci sia una qualità incredibile e una vastità davvero entusiasmante di stili e creazioni di altissimo livello. Seguo tantissimi crafter e adoro vedere le loro evoluzioni. Mi piace vedere l’unicità delle persone che contraddistingue ogni stile. Soprattutto negli ultimi 2 o 3 anni penso ci sia stato un grande passo in avanti grazie a chi ha fatto dell’handmade una passione fortissima ma anche una vera e propria professione.

Grazie mille a Fernanda alias Nanaif per questa bella intervista, speriamo posso essere per voi d’ispirazione per i vostri progetti di cucito creativo.

Scoprite di più su Nanaif:

Leggi anche

intervista a handstitch sartoria creativa pescara

Intervista a Handstitch

intervista le mie girls cucito creativo

Intervista a Le Mie Girls

Cristiane di Cris De Marchi Atelier - Intervista

Intervista a Cris De Marchi

passione uncinetto

Passione Uncinetto | Intervista a La Zia Inuccia

Trustpilot