tessuto-cotone

Cotone | Dizionario dei Tessuti

tessuto-cotone

Il tessuto di cotone si ricava tessendo filati di cotone ricavati dalla peluria che ricopre i semi di una pianta della specie Gossypium. Con il termine tessuto di cotone generalmente si intende indicare non solo tessuti fatti a telaio ma anche magline e jersey.

Proprietà tessuto Cotone

  • La fibra di cotone ha comportamento anelastico. La resistenza meccanica è influenzata dalla presenza dell’acqua: le fibre umide sono più tenaci di quelle secche;
  • all’aria presenta buona stabilità;
  • a contatto con la fiamma brucia molto facilmente lasciando della cenere bianca;
  • lascia sulla pelle una sensazione di freschezza.

Caratteristiche tecniche tessuto Cotone

  • Caratteristica principale: elevata capacità di assorbimento;
  • Mano: morbida
  • Lavaggio: 60° – il cotone può essere lavato a mano o in lavatrice senza particolari problemi in quanto allo stato umido migliora la sua resistenza; occorre evitare l’asciugatura alla luce diretta del sole perché indebolisce e ingiallisce la fibra.
  • Utilizzo: abbigliamento e arredamento;
  • Composizione: composto al 95% di cellulosa.

fiocco-di-cotone

Nella foto si può osservare la cosiddetta bambagia, cioè l’insieme dei filamenti che avvolgono i semi e che, una volta raccolti e lavorati, danno origine ai tessuti in cotone. Indicativamente, ogni pianta di cotone produce dai 200 ai 500 frutti, pari a circa 2/5 kg di fibra grezza. Dal punto di vista biologico, i peli del cotone hanno lo scopo di facilitare la dispersione dei semi tramite il vento. I semi del cotone, una volta allontanati dalla bambagia, vengono sottoposti a pressione o a estrazione con solventi per ottenere l’olio di cotone, impiegato nell’alimentazione umana e animale, ma anche per la produzione di saponi e candele. Ciò che resta dei semi dopo l’estrazione dell’olio trova impiego nell’alimentazione del bestiame.

Il cotone si otteneva in passato mediante lavorazione con strumenti di legno o a mano. Dopo aver preso la capsula del cotone dalla pianta omonima si ricavava un “gomitolo” di filamenti che veniva trattato e lavorato prima di essere inviato alle industrie tessili. Il cotone, il cui termine deriva dall’arabo katun ovvero “terra di conquista” già presente prima del secondo millennio a.C. in India ed anche in Perù, fu introdotto prima in Sicilia nel IX secolo e poi in tutta l’Europa.

Nel IV secolo a.C. Alessandro Magno aveva fatto di Alessandria il più importante centro di smistamento verso l’Europa del cotone indiano di pregiatissima qualità. Con la conquista della Spagna da parte degli Arabi vennero introdotte anche in Europa le tecniche di filatura e tessitura, oltre alla coltivazione del cotone che però si interruppe agli inizi del Seicento a seguito della cacciata dei Mori. A quel punto fu il Portogallo che si prese lo scettro di importatore principale del nobile cotone indiano.Intanto i secoli passano e in Inghilterra, fra il XVIII e il XIX secolo, inizia la rivoluzione industriale che vede concentrarsi nel Regno Unito la produzione di tessuti e filati. Da qui all’esportazione di tecnologie di coltivazione e di lavorazione verso le Americhe il passo è breve.

Utilizzo del tessuto cotone

abito-estivo-di-cotone-bianco

I tessuti di cotone sono ampiamente utilizzati sia nel campo dell’abbigliamento che in quello dell’arredamento.

  • denim, utilizzato per fare jeans;
  • chintz, stampato e di mano lucida.
  • spugna, utilizzato per fare asciugamani da bagno;
  • seersucker, dalla superficie increspata;
  • tela bandera, per l’omonimo ricamo;
  • fustagno, utilizzato per gli indumenti da lavoro.

Utilizzato maggiormente per confezionare capi estivi e capi di abbigliamento intimo, ma anche lenzuola, asciugamani e fodere di capi d’abbigliamento più pesanti. Trova invece minor utilizzo nel campo dell’abbigliamento tecnico, in quanto le fibre sintetiche oggi a disposizione offrono migliori caratteristiche. In particolari circostanze, ad esempio quando dopo aver sudato cala la temperatura e si è costretti a rimanere fermi a lungo, non c’è nulla di peggio che aver addosso una maglietta di cotone bagnata, poiché favorisce una rapida perdita di calore corporeo. Per questo motivo il cotone trova poco spazio nell’abbigliamento sportivo invernale.

Vantaggi tessuto cotone:

  • ipoallergenico;
  • igroscopico;
  • permeabile all’aria;
  • tampona il cattivo odore del sudore;
  • resistente alla rottura.

Svantaggi tessuto cotone:

  • offre un isolamento termico limitato;
  • poco elastico;
  • si restringe al primo lavaggio.

Cotone Biologico

La coltura tradizionale del cotone è piuttosto dannosa, in quanto la pianta è soggetta ad attacchi parassitari che richiedono un uso estensivo di pesticidi. Il cotone biologico (o cotone organico) è ottenuto da semi non OGM, che vengono coltivati senza l’uso di fertilizzanti chimici e di fitofarmaci. Particolare attenzione all’eco-sostenibilità viene osservata anche lungo l’intera filiera produttiva.

Curiosità: il cotone viene anche utilizzato nella realizzazione delle banconote dell’Euro.

TESSUTO DISPONIBILE►

tessuto-cotone-tinta-unita

PER SAPERNE DI PIU’:

Antonella Pal

Antonella Pal, creativa compulsiva e blogger. Lavora da anni nel campo dell’handmade e il suo motto è Craft Makes Life Better.

Leggi anche

Fodera | Dizionario dei Tessuti

Feltro | Dizionario dei Tessuti

ECOPELLE e FINTA PELLE: che cosa sono

Jersey | Dizionario dei Tessuti