Gli aghi per il cucito sono strumenti tanto piccoli quanto utili: a chi non è mai capitato di dover ricucire un bottone all'ultimo secondo? O chiudere il buco di un calzino? Ecco che spuntano, in nostro aiuto, ago e filo che possiamo utilizzare  per il rammendo, il ricamo, il cucito creativo, lavoretti fai da te

La scelta dell’ago da cucire però, spesso viene sottovalutata, ma è molto importante al fine di ottenere un lavoro di qualità, sia per il cucito a mano, che per lavori a macchina.

Vi è mai capitato che il filo superiore della macchina si spezzi? Oppure che i punti della cucitura “saltino”, formando punti lunghi il doppio oppure il triplo del normale?

Vi è mai capitato che l’ago si spezzi perché troppo delicato? Oppure che faccia i buchi troppo grossi che rimangono visibili sul tessuto?

Molto spesso, in questi casi, c'è qualcosa che non va nell'ago, è necessario cambiarlo e sceglierne uno adatto al tessuto che stiamo cucendo. Infatti, non tutti sanno che forma e dimensione variano a seconda del materiale da cucire e dal lavoro che stiamo per svolgere. 

macchina cucito rosa

 Impariamo a distinguerli:

 

Aghi universali

Deve il suo nome al fatto di poter essere utilizzato per tutte le cuciture più diffuse. Attenzione però: questo tipo di ago non è concepito per un uso specifico e non è quindi adatto ad essere utilizzato su materiali particolari come jeans, pellami o tessuti molto sottili. La sua punta è leggermente smussata e la superficie è molto liscia in modo da consentirgli di penetrare agevolmente nel tessuto.

 

- 60/70 per chiffon, georgette, organza

- 70 per batista

- 79/80 per camice, misto lino, popeline, tessuti da corsetteria, tessuto leggero

- 80/90 per lino, traliccio

- 90/100 per biancheria da tavola

- 90/100/110 per la maggior parte dei tessuti, jersey e sintetico.

 

Aghi Strech

La punta dell’ago è piuttosto arrotondata proprio per non danneggiare o strappare il tessuto durante la cucitura. Infatti questo tipo di tessuto potrebbe essere rovinato se si utilizzano macchine da cucire con aghi universali. A seconda dello spessore dell’ago aumenterà anche l’arrotondamento della punta dell’ago.

♦Per tessuti sintetici molto elastici.

 

- 75 per jersey fine

- 75/90 per jersey, jersey di seta

- 90 per lycra

 

 

Aghi per la pelle

Tipologia molto simile all’ago per jeans, è però ancora più robusto e resistente, permette di cucire attraverso pelle e vinile. E’ adatto solo a questo scopo, usato su tessuti standard si rischierebbe di rovinarli.

♦Per pelle, finta pelle e materiali simili non telati.

 

- 80/90 per capretto, finta pelle, pelle

- 100/110 per pelle grossa e finta pelle dura

 

 

Aghi per il jeans

I tessuti di spessore maggiore, come ad esempio il denim o jeans, necessitano di aghi pensati per forare con rapidità; questi aghi sono realizzati con un acciaio più rigido di quelli universali e perfetti per questo tipo di cucitura.

♦Per tessuti a trama spessa e finta pelle telata.

 

- 90 per Fogli di plastica, lamine, tela cerata

- 90/100 Biancheria da letto, finta pelle

- 90/100/110 Cord, Jeans (Denim)

- 100/110 Abiti da lavoro

 

 

Aghi per ricamo

Tessuti come velluto o seta si prestano bene al decoro con aghi da ricamo; possono essere utilizzati per eseguire il punto croce.

♦Per ricamare, per fili di metallo e d'effetto.

 

- 75/90 filati d'effetto e di metallo, ricamo

 

Ago gemello

Viene utilizzato per cucire due linee parallele con lo stesso punto e con due fili diversi, è formatoda due aghi aventi un unico corpo. Esistono aghi gemelli universali, strech e per jeans.

 ♦Per nervature, cuciture decorative e orli su jersey.

Dimensione

Distanza in mm tra gli aghi

70

1,6

80

2

80

2,5

80

3

80

4

90

3

90

4

100

4

100

6

100

8

Per gli aghi con la distanza maggiore di 3 mm è consigliabile controllare la possibilità di montarlo sulla propria macchina. Dopo la selezione del punto controllare sempre con un giro manuale del volantino se l'ago batte sulla placca.

 

Per scegliere l'ago da utilizzare su tutte le macchine da cucire vale comunque una regola molto semplice che può essere applicata ad ogni tipo di tessuto da confezionare: maggiore è lo spessore del tessuto e maggiore dovrà essere anche lo spessore dell’ago. Se tessuti come seta, chiffon o organza necessitano di aghi molto sottili, ne consegue che materiali più spessi come il jeans, il velluto (specie se a coste) o i pellami necessiteranno di aghi di spessore maggiore.

Se avete ancora dubbi su "ago giusto, tessuto giusto", il nostro negozio mette a vostra disposizione personale qualificato che saprà chiarire ogni perplessità, unendo passione, professionalità ed esperienza.